La regolazione del premio nelle polizze assicurative

Nei contratti di assicurazione, dove la quantità di rischio è variabile, la determinazione del premio diventa una sfida.

In questo contesto, è comune trovare la clausola della “regolazione del premio” che gestisce l’adeguamento del premio in base a variazioni specifiche.

In questo articolo andremo a scoprire insieme come funziona questa clausola, quali sono gli obblighi dell’assicurato e le varie decisioni giurisprudenziali in questo ambito.

Clausola di regolazione del premio

La clausola di regolazione del premio è un accordo contrattuale che stabilisce che una parte del premio sarà pagata al momento della stipula del contratto, mentre il restante sarà determinato al termine del periodo assicurativo.

Questo secondo blocco dipenderà da variazioni intervenute su elementi come il numero di dipendenti o il volume di affari dell’assicurato.

Obblighi dell’assicurato

Questa clausola comporta due obblighi per l’assicurato:

  1. pagare il premio assicurativo iniziale;
  1. comunicare i dati variabili che influenzeranno la regolazione del premio al termine del periodo assicurativo.

L’omessa comunicazione dei dati variabili non comporta automaticamente la sospensione della garanzia assicurativa. La recente giurisprudenza specifica che l’effetto di tale inadempimento dipenderà dalla buona fede delle parti e dalla valutazione caso per caso.

Decisioni giurisprudenziali innovative

Recenti decisioni giurisprudenziali si sono soffermate sulla legittimità della clausola di regolazione del premio e sulla sua eventuale vessatorietà.

In particolare, sono emerse nuove prospettive in merito alla sospensione della garanzia in caso di mancato versamento del conguaglio del premio o di omissione nella comunicazione dei dati variabili.

Questa clausola è spesso presente nelle “assicurazioni in abbonamento” e riguarda le polizze flottanti. Questo tipo di assicurazione è comune in vari settori, come:

  • assicurazioni trasporti;
  • assicurazioni provata cumulativa infortuni;
  • incendio, furto e responsabilità civile aziendale.

La clausola prevede che il premio assicurativo, per ogni periodo, sia concordato in base a un parametro variabile, come retribuzioni o volume d’affari.

Inoltre, la clausola si compone di un “premio anticipatofisso, pagato all’assicuratore al momento della stipula e ad ogni scadenza annuale, e un premio variabile basato sulle variazioni quantitative nel periodo di osservazione del rischio.

Il premio include un importo minimo o di base e un “conguaglio” che rappresenta l’importo aggiuntivo o da restituire all’assicuratore alla fine di ogni anno, in base alle variazioni degli elementi specificati nella polizza.

Cosa succede in caso di inadempienza

Cosa succede nel caso in cui l’assicurato non versa il conguaglio del premio, oppure omette addirittura di comunicare i dati variabili all’assicuratore, impedendo così l’accertamento dei fatti che determinano la regolazione?

In una sentenza della Cassazione Civile è stato spiegato che adempiere a questi obblighi da parte dell’assicurato è diverso dal semplice pagamento del premio.

In queste situazioni, di solito la copertura assicurativa non viene automaticamente sospesa. Le conseguenze dell’inadempimento devono essere valutate caso per caso, considerando:

  • la buona fede nella gestione del contratto;
  • il tempo impiegato per adempiere all’obbligazione;
  • l’importanza dell’inadempimento.

Secondo una recente decisione del Tribunale di Roma, però, un accordo specifico nella polizza può prevedere la sospensione della copertura assicurativa se l’assicurato non paga l’importo aggiuntivo o trascura di comunicare le informazioni necessarie. Questa disposizione nella polizza è valida solo se è stata firmata separatamente.

Considerando le recenti decisioni della Corte, è essenziale avere clausole assicurative specifiche per regolare le conseguenze dell’inadempimento da parte dell’assicurato per quanto riguarda l’importo variabile del premio.

Dalla lettura del presente articolo, si capisce come è praticamente necessario affidarsi a degli esperti in ambito legale/assicurativo.

I nostri professionisti sono in grado di consigliare e affiancare nella fase della contrattualizzazione della polizza.

Resta aggiornato con il nostro blog oppure chiedici una consulenza.