Cos’è il Credito d’Imposta per investimenti in beni strumentali?

Il Credito d’Imposta per investimenti in beni strumentali ha come obiettivo supportare le imprese e incentivarle a investire in beni strumentali nuovi, materiali e immateriali, funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi.

A queste imprese lo Stato riconosce un credito d’imposta, disponibile a determinate condizioni.

Spese, attività ammissibili e agevolazioni

Spese per beni strumentali materiali tecnologicamente avanzati

2022

40%

per investimenti
fino a 2,5 milioni di €

20%

per investimenti
da 2,5 milioni di € a 10 milioni di €

10%

per investimenti
da 10 milioni di € a 20 milioni di €

Dal 2023 al 2025

20%

per investimenti
fino a 2,5 milioni di €

10%

per investimenti
da 2,5 milioni di € a 10 milioni di €

5%

per investimenti da 10 milioni di € a 20 milioni di € / 50 milioni di € per investimenti inclusi nel PNRR per transizione green

Spese per beni strumentali immateriali tecnologicamente avanzati funzionali ai processi di trasformazione 4.0

2022

50% per un massimo di 1 milione di €

2023

20% per un massimo di 1 milione di €

2024

15% per un massimo di 1 milione di €

2025

10% per un massimo di 1 milione di €

A chi si rivolge?

L’accesso al credito è aperto a tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato, incluse le stabili organizzazioni di soggetti non residenti, indipendentemente dalla natura giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione, dal regime contabile e dal sistema di determinazione del reddito ai fini fiscali.

Il credito è quindi riconosciuto anche agli esercenti arti e professioni, ai soggetti aderenti al regime forfetario, alle imprese agricole ed alle imprese marittime.

A questo regime agevolato sono escluse le società assoggettate alle procedure di fallimento, di liquidazione coatta amministrativa e di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi o imprese destinatarie di sanzioni interdittive.

Come accedere

È necessaria una perizia tecnica asseverata rilasciata da un ingegnere o da un perito industriale, o un attestato di conformità rilasciato da un ente di certificazione accreditato, da cui risulti che i beni acquistati possiedono le caratteristiche tecniche obbligatorie.

Per i beni di costo unitario di acquisizione non superiore a 300.000 euro è accettata anche una autodichiarazione resa dal legale rappresentante, che descriva comunque dettagliatamente le caratteristiche dei beni.

Ti potrebbe interessare anche

Servizi

Perizie Industria 4.0

La perizia asseverata per Industria 4.0 è un'attestazione di conformità grazie al quale la tua azienda può godere delle agevolazioni previste per l’acquisto di strumenti dell’industria 4.0.
Servizi

Fascicolo di manutenzione

La Reportistica sistematica di manutenzione per i beni industria 4.0 acquistati è obbligatoria per tutto il periodo di fruizione dei benefici ottenuti con le agevolazioni fiscali.
Servizi

Transizione 5.0: i criteri del nuovo credito d’imposta per la riduzione dei consumi energetici

IL PROGRAMMA MIRA A SOSTENERE GLI INVESTIMENTI IN DIGITALIZZAZIONE E NELLA TRANSIZIONE GREEN DELLE IMPRESE ATTRAVERSO UN INNOVATIVO SCHEMA DI […]