SIMEST: a disposizione 300 milioni di euro

Richiedi subito una consulenza per ottenere il rimborso dei danni materiali diretti e indiretti da perdita di reddito. Attività completa, zero acconti e con formula salvo buon fine: non perdere questa occasione!

REDAZIONE PERIZIA

  • istruttoria tecnico-economica;
  • stima e validazione dei danni reclamandi;
  • redazione elaborato di perizia conclusivo per ottenere il ristoro economico.

GESTIONE DOMANDA

  • raccolta della documentazione e valutazione ammissibilità;
  • predisposizione ed adeguamento della documentazione alle disposizioni di legge;
  • presentazione domanda di ristoro economico;
  • assistenza nell’iter normativo, compresa la gestione di eventuali richieste di integrazione e rendicontazione;
  • assistenza all’erogazione delle somme dovute.

NOVITÀ: misura di ristoro per la perdita di reddito delle imprese esportatrici colpite dall’alluvione attiva dal 21 novembre 2023.

A disposizione una nuova misura a sostegno delle imprese esportatrici dei territori colpiti dall’alluvione di maggio 2023 attraverso contributi a fondo perduto finalizzati all’indennizzo dei comprovati danni nella forma di perdita di reddito a seguito dell’evento calamitoso.

Rimane contemporaneamente attiva la misura di ristoro per i danni materiali diretti subiti a causa dell’alluvione, aggiornata con nuovi termini e condizioni a partire dal 21 novembre: apertura alle imprese di tutte le dimensioni, riduzione al 3% della soglia di accesso minima di fatturato export e incremento dell’importo massimo del contributo fino a 5 milioni di euro per impresa.

La dotazione complessiva prevista per entrambe le misure è di 300 milioni di euro.

DANNI MATERIALI DIRETTI

A chi è dedicato (Emilia-Romagna e Toscana):

Alle imprese di tutte le dimensioni che abbiano:

  • depositato almeno 1 bilancio relativo a 1 esercizio completo (Bilancio relativo all’esercizio 2022 o in alternativa, ove non ancora depositato in virtù di proroghe sui termini di deposito, Bilancio relativo all’esercizio 2021) o dichiarazione dei redditi ove non previsto obbligo di deposito del bilancio (v. Circolare)
  • un fatturato export pari ad almeno il 3% come rilevato da Dichiarazione IVA 2023 (o, ove non ancora presentata in virtù di proroghe sui termini di presentazione, Dichiarazione IVA 2022)
  • sede legale in uno Stato membro dell’Unione europea
  • sede operativa o unità locali nei territori colpiti dall’alluvione come individuati nell’Allegato 1 al decreto-legge 1° giugno 2023, n. 61 (c.d. DL Alluvione)
  • subito danni materiali ad attivi a seguito dell’evento alluvionale di maggio 2023 come accertato da Perizia asseverata redatta da perito iscritto ad Albo/Ordine/Collegio professionale
  • codice ATECO non rientrante tra quelli esclusi dalla Circolare

Contributo a fondo perduto a copertura dei danni materiali ad attivi (per esempio immobili, attrezzature, macchinari, automezzi e scorte di magazzino) subiti dall’impresa richiedente con un nesso causale diretto con l’evento alluvionale, come accertato da una perizia asseverata rilasciata da un perito iscritto ad Albo/Ordine/Collegio professionale.

Importo concedibile

  • Importo massimo: € 5.000.000

L’importo riconoscibile rispetto ai danni riportati nella Perizia asseverata è pari a:

  • Per i beni non assicurati, fino all’80% dei danni accertati
  • Per i beni assicurati, fino al 100% dei danni accertati esclusi dalla copertura assicurativa (franchigia/scoperto o quota non assicurata)

In ogni caso, il contributo concedibile non può superare il 100% del valore dei danni stimati dalla perizia asseverata. Il contributo è riconosciuto nei limiti della quota dei medesimi danni per la quale non si è avuto accesso ad altre forme di ristoro a carico della finanza pubblica, o a indennizzi assicurativi, sotto qualsiasi forma e da qualunque soggetto concessi o erogati.

Erogazione del contributo

Il contributo è erogato in un’unica tranche entro 10 giorni dalla ricezione dell’esito della delibera del Comitato Agevolazioni

Documenti per la richiesta del contributo

In sede di presentazione della domanda, tramite Portale SIMEST, è obbligatorio caricare la seguente documentazione:

  • Dichiarazione IVA 2023 (o, ove non ancora presentata in virtù di proroghe sui termini di presentazione, Dichiarazione IVA 2022)
  • Perizia asseverata dei danni subiti sulla base del format messo a disposizione da SIMEST (v. sezione Allegati)
  • Dichiarazione del Legale Rappresentante relativa all’indicazione dei beni coperti e non coperti da assicurazione sulla base del format messo a disposizione da SIMEST (v. sezione Allegati)
  • Documento di identità del Perito iscritto ad Albo/Ordine/Collegio professionale
  • Contratto di conto corrente dedicato al/ai finanziamento/i accordato/i da SIMEST
  • Documento di identità del/dei titolare/i effettivo/i
  • DURC
  • Documentazione attestante i poteri di firma del Legale Rappresentante (statuto, atto di nomina o delibera di conferimento dei poteri secondo il format SIMEST di cui alla sezione Allegati)
  • Documentazione Antimafia per importi superiori a € 150.000 (v. sezione Allegati)
  • Ove previsto, Dichiarazione attestante che il Contributo non riguarda le Esclusioni (v. sezione Allegati)

La domanda, sottoscritta digitalmente dal legale rappresentante e inviata tramite il Portale, sarà ricevibile solo se completa di tutti gli allegati richiesti.

DANNI INDIRETTI DA PERDITA DI REDDITO

A chi è dedicato (Emilia-Romagna):

Alle imprese di tutte le dimensioni che abbiano:

  • depositato presso il Registro imprese il bilancio relativo all’anno 2022 e ai quattro esercizi completi precedenti
  • un fatturato export pari ad almeno il 3%
  • sede legale in uno Stato membro dell’Unione europea
  • sede operativa o unità locali nei territori colpiti dall’alluvione come individuati nell’Allegato 1 al decreto-legge 1° giugno 2023, n. 61 (c.d. DL Alluvione)
  • subito una Perdita di reddito a seguito dell’evento alluvionale di maggio 2023:

– conseguente ad una sospensione totale o parziale dell’attività per un periodo massimo di 6 mesi dal verificarsi dell’evento

– determinata confrontando i dati finanziari – riferiti unicamente allo stabilimento colpito dall’evento – dei 6 mesi del 2023 di cui al punto (i) con la media dei tre anni individuati tra i cinque anni precedenti all’alluvione (2018-2022), escludendo i due anni con, rispettivamente, il migliore e il peggiore risultato finanziario, e calcolata per lo stesso periodo di sei mesi preso a riferimento nel 2023 (secondo il format SIMEST di cui alla sezione Allegati)

  • codice ATECO non rientrante tra quelli esclusi dalla Circolare

Contributo a fondo perduto a copertura della perdita di reddito dovuta alla sospensione totale o parziale dell’attività per un periodo massimo di sei mesi dall’evento alluvionale, subita dall’impresa impresa richiedente con un nesso causale diretto con l’evento calamitoso, come accertato da una relazione di asseverazione rilasciata da un revisore indipendente autorizzato.

Importo concedibile

Importo massimo pari a € 5.000.000

In ogni caso, il contributo concedibile non può superare il 100% dei costi ammissibili relativi ai danni subiti dall’evento. Il contributo è riconosciuto nei limiti della quota di perdita di reddito per la quale non si è avuto accesso ad altre forme di ristoro a carico della finanza pubblica, o a indennizzi assicurativi, sotto qualsiasi forma e da qualunque soggetto concessi o erogati.

Erogazione del contributo

Il contributo è erogato in un’unica tranche entro 10 giorni dalla ricezione dell’esito della delibera del Comitato Agevolazioni

Documenti per la richiesta del contributo

In sede di presentazione della domanda, tramite Portale SIMEST, è obbligatorio caricare la seguente documentazione:

  • Dichiarazione IVA 2023
  • Relazione asseverata sulla perdita di reddito rilasciata da un revisore indipendente incaricato dall’impresa richiedente iscritto al registro dei revisori contabili del MEF, secondo il format SIMEST di cui alla sezione Allegati
  • Contratto di conto corrente dedicato al/ai finanziamento/i accordato/i da SIMEST
  • Documento di identità del/dei titolare/i effettivo/i
  • DURC
  • Documentazione attestante i poteri di firma del Legale Rappresentante (statuto, atto di nomina o delibera di conferimento dei poteri secondo il format SIMEST di cui alla sezione Allegati)
  • Documentazione Antimafia per importi superiori a € 150.000 (v. sezione Allegati)

Ove previsto, Dichiarazione attestante che il Contributo non riguarda le Esclusioni (v. sezione Allegati)
La domanda, sottoscritta digitalmente dal legale rappresentante e inviata tramite il Portale, sarà ricevibile solo se completa di tutti gli allegati richiesti.

Ti potrebbe interessare anche

Servizi

Fondo Nazionale: contributi danni da alluvione

Richiesta contributi pubblici dal 15 novembre L’ordinanza n. 11/2023 prevede il riconoscimento a tutte le imprese alluvionate dei costi di […]
Servizi

Danni da allagamento e alluvione

Per i danni causati da allagamento, richiedi immediatamente l’intervento dei nostri esperti, per avviare correttamente la pratica assicurativa per il risarcimento.
Servizi

Business continuity

Grazie alla Business continuity la tua azienda potrà continuare a svolgere le proprie attività anche dopo un incidente, garantendo la continuità del servizio o della produzione.